Guardie armate

I monaci soldati erano in un primo tempo un gruppo armato, costituito presso il Tempio di Shaolin, per proteggere il tempio stesso dalle guerre e dalle lotte della società. Alla fine della dinastia Sui e all'inizio della dinastia Tang, Wang Shichong, un generale Sui, si proclamò imperatore istituendo delle forze armate. Egli chiamò il suo regno "Zheng" e nominò suo nipote, Wang Renzhe, generale superiore; costui piazzò ingenti forze e costruì fortezze in un luogo chiamato villaggio Baigu, per fermare la spinta verso oriente di Li Shimin, principe di Qin. Nel terzo del regno di Wude, durante la dinastia Tang (620 d.C.) Li Yuan, l'Imperatore Gaozu, ordinò a suo figlio Li Shimin di mettersi al comando dell'esercito per una spedizione punitiva contro Wang Shichong.

Durante le prime battaglie di tale campagna, Li si trovò in difficoltà. A quel tempo c'erano tredici monaci armati di Shaolin, stazionati al villaggio Baigu. Essi erano arrabbiati con Wang Shichong poiché egli aveva invaso il feudo del Tempio di Shaolin. I monaci armati condussero la popolazione locale in un attacco contro l'esercito di Sui. La loro battaglia si concluse con la vittoria; essi catturarono Wang Renzhi e mandarono al potere Li Shimin. Questo fu senza dubbio uno splendido risultato per la causa del principe Qin e l'unificazione della Cina.

I monaci, vista la loro abilità, furono spesso chiamati a difendere l'impero. Le loro tecniche erano però sempre ispirate al principio dell'autodifesa.